ebaut mi

Mi chiamo stresserentola, ma questo è già chiaro dal titolo del mio blog, la mia storia comincia dove le altre si concludono e cioè dopo il ....e vissero per sempre felici e contenti...
sono sposata, felicemente e da tempo immemorabile con Amò e abbiamo due bambini tuofiglio e tuafiglia a cui ci imputiamo maternità e paternità secondo le peculiarità che vengono fuori di volta in volta.....
abitiamo a Palermo e Lady Mora è la nostra casa, un cantiere perennemente aperto ......
Bhè che altro dirvi, se avete voglia di sapere altro seguitemi....



e se invece volete scrivermi.... stresserentola@libero.it



che dite ... ci vediamo alla prossima?

Lettori fissi

venerdì 11 novembre 2011

...

La prima cosa che ho pensato: un test di gravidanza
un bagno, le solite piastrelle, il solito lavello, la tenda che non c'era e avrei dovuto comprare e quella specie di termometro in mano con un risultato positivo. Avrei ricordato quel momento per tutta la vita, per tutta la vita avrei ricordato quelle piastrelle, quel lavello, quella finestra senza tende. Io sono cambiata in quell'istante, in quell'istante diventavo madre, il mio corpo non era cambiato, la mia vita si.


La prima cosa è stato il test di gravidanza, la seconda: la strada chiusa.
una jeep, è scomoda la jeep ogni scaffa uno scossone, sono piena di lividi, anche la testa mi fa male, fa troppo caldo o troppo freddo, la strada è brutta ma la direzione è chiara e poi la frana e la strada bloccata e non c'è più nulla di chiaro e dobbiamo fermarci e se piove e se fa troppo caldo bisogna andare avanti e guardiamo la frana e la strada è chiusa.


La prima cosa il test di gravidanza, la seconda la strada chiusa la terza: i piedi
in barca dondoli, il mare ti culla, culla il tuo corpo, culla i pensieri, guardi il mare e lo sguardo si perde, perdi lo sguardo perdi i pensieri, ma bisogna perdersi per trovarsi, ma se ti perdi sei leggera.Poi la barca attracca e non dondoli più, non senti i pensieri, trovi lo sguardo e senti i piedi, solo piedi e poi gambe e senti la terra e sei ferma a terra e non senti più pensieri solo il tuo corpo solo i tuoi piedi.


La prima cosa il test di gravidanza, la seconda la strada chiusa, la terza i piedi, la quarta: oggi
solo l'indispensabile, via il superfluo, bambini, lavoro, pranzo, bambini, cena, letto. allunga un momento e accorcerai  l'altro e il tempo sarà più lungo, e avrai più tempo, no, non per sognare, via i sogni sono superflui, non mangiano i sogni non dormono i sogni non servono i sogni, oggi solo oggi ma tra un po' finisce.


La prima cosa il test di gravidanza, la seconda la strada chiusa, la terza i piedi, la quarta oggi, la quinta: foglio bianco
le parole scritte sono chiare, ordinate,  corrono poi rallentano, fanno le pause poi ricominciano, il foglio bianco è muto e dentro il silenzio ci può stare tutto, ma tu lo conosci il silenzio, lo capisci, lo ascolti, oggi no, non lo so cosa vuol dire ho bisogno di parole che non escono, volano, girano ci sono tutte nella mia testa ma il foglio è bianco.




Si chiama Incertezza, al momento so solo questo
è arrivata insieme alla lettera di licenziamento di Amò, una settimana fa'
sto provando a conoscerla a descriverla ma è refrattaria 
insinua dubbi, confonde, ostacola il mio sguardo
vuol togliermi i sogni, la speranza
si nutre delle mie paure.
Incertezza, guardami, il foglio non è più bianco 
oggi ho vinto io..

14 commenti:

  1. Ti mando un abbraccio.
    Ci siamo passati anche noi, poco più di due anni fa, non è vero che mal comune mezzo gaudio ma so come ci si sente.
    Ti auguro che passi prestissimo.

    RispondiElimina
  2. Hai vinto.
    Tu vinci ogni giorno.

    RispondiElimina
  3. @sofia...e senza grattare pensa un po' ;-)

    RispondiElimina
  4. la strada è brutta ma la direzione è chiara.
    jtm

    RispondiElimina
  5. Incertezza la conosciamo un po' tutti di questo periodo. Accidenti! coraggio. Ci si rimbocca le mani un'altra volta, e non è vero che i sogni li abbiamo levati di mezzo: ci sono sempre, anche quando non ci pensi.

    RispondiElimina
  6. Ci rimbocchiamo le maniche, Guardiamo avanti e cerchiamo soluzioni alternative speriamo che basti .... Grazie suster

    RispondiElimina
  7. tesoro, come ti capisco..qui siamo con lo stipendio dimezzato...che tolte affitto e rate rimane molto, molto poco,e i risparmi sono finiti. Un abbraccio fortissimissimo. tvb

    RispondiElimina
  8. Facciamo le valige e scappiamo a Bora Bora
    la proposta della panelleria è sempre valida :-)

    RispondiElimina
  9. Ti quoto in pieno!!!!La panelleria è un ottima idea!!!se dovessi concretizzare questa idea fammi un fischio :-) io sono nei paraggi!!!!
    Baciuzzi
    Cate79

    RispondiElimina
  10. lapino è un secolo che vuole andare in australia con i canguri, che ne dici , andiamo e partiamo?

    RispondiElimina
  11. Posso solo mandarti un baciuzzo...

    RispondiElimina
  12. non c'è fine senza che ci sia un nuovo inizio
    voglio pensare che quello che ci aspetta sia meglio di ciò che ci ha lasciato...
    è un intoppo sulla strada che conoscevamo ma prendere una deviazione ti regala nuovi paesaggi e nuovi incontri e forse chi lo sa tra qualche tempo guardandoci indietro ringrazieremo questa frana che ci ha interrotto questa strada :-)

    RispondiElimina

A voi la parola ........

ATTENZIONE

Questo blog è dotato di filtro antispam. Se non vedete comparire immediatamente il vostro commento non replicatelo, verrà approvato in fase di moderazione. Grazie